Sega a Nastro – quale prendere

27/08/2019

Sega a Nastro – quale prendere


Sega a Nastro – quale prendere

In questa guida spieghiamo come scegliere una sega a nastro. Nel campo del fai da te, non tutti gli attrezzi sono piccoli e compatti, ne esistono alcuni, come la sega a nastro, che risultano essere particolarmente ingombranti e costosi, ma anche indispensabili per effettuare dei tagli al materiale che siano precisi al millimetro.

Purtroppo, spesso strumenti come questo vengono evitati, soprattutto perché risulta davvero difficile scegliere una sega a nastro studiandone ogni singola caratteristica. Comunque, non devi preoccuparti, oggi proponiamo una guida su come scegliere la sega a nastro, così da informarti su tutto ciò che dovresti sapere su questo strumento così utile.

Caratteristiche della Sega a Nastro

La sega a nastro è un grosso macchinario che può appartenere a diverse tipologie, abbiamo per esempio la segatrice a nastro industriale, molto costosa ed imponente, che prevede il nastro seghettato ed un piano sul quale riporre il pezzo di legno o qualsiasi altro blocco da tagliare. Poi abbiamo la sega a nastro dotata di pneumatici, che può essere spostata e che dunque si rivela la scelta migliore per le piccole falegnamerie o per gli appassionati di fai da te.

Questo strumento è sempre dotato di due ruote, una delle quali è responsabile diretta dell’attivazione della lama a nastro dentato, che poi è lo strumento che consente il taglio. L’altra ruota interna, invece, ha il compito di guidare e di tenere tesa la lama. Il risultato combinato dell’azione di queste due ruote, è lo scorrere del nastro seghettato ed il taglio preciso del legno. Sono anche presenti dei cuscinetti che fungono da guida per il nastro, e che impediscono che questo possa scivolare fuori rischiando di causare molti danni. Oltre al motore, una buona segatrice a nastro possiede sempre un piano di lavoro più o meno inclinabile, ed un meccanismo che ti consente di personalizzare la velocità della lama.

Come Scegliere Sega a Nastro

Come spiegato in precedenza, scegliere una sega a nastro non è un’operazione semplice. Esistono infatti diversi elementi che dovrai tenere a mente, per scegliere un attrezzo di qualità ed in grado di effettuare lavorazioni del legno connotate dalla grande precisione. Intanto devi sempre considerare la tipologia di lama, la sega a nastro non è pensata per tagliare uniformemente qualsiasi materiale, dato che questo compito spetta appunto al nastro seghettato. La dentatura a nastro, per esempio, è ideale per il taglio dei materiali ferrosi, mentre la dentatura seghettata si adatta meglio al metallo più robusto. Ma esistono anche altre tipologie di lame, come quella ondulata, a salto e quella a gancio.

Sega a nastro verticale VMS 310

Un altro aspetto che dovrai tenere a mente, quando decidi di acquistare una segatrice a nastro, è il TPI, Teeth Per Inch, un valore che indica la finitura e la rapidità della lama durante il taglio. Se vuoi per esempio tagliare materiali con uno spessore di circa 2,5 centimetri, allora ti converrà scegliere una TPI 3, in caso di spessore superiore, invece, meglio scegliere per un TPI 10. In ogni caso, devi anche sapere che ogni marchio propone delle schede prodotto con riportate al loro interno tutte le scale di valori relative ai TPI.

Seghe a nastro in metallo EBS 181 G

Altro aspetto fondamentale, e forse il più importante che dovrai valutare, è la potenza del motore della sega a nastro, e anche la presenza di un meccanismo per regolarla, questo perché da ciò dipende la velocità del nastro, che potrebbe essere inferiore al valore previsto per tagliare un materiale dotato di un certo spessore. Infine, verifica anche che il piano di lavoro sia solido, resistente ed in grado di supportare pesi elevati, da questo punto di vista, meglio scegliere una sega a nastro con ripiano di lavoro in ghisa.

Seghe a nastro orizzontali HBS 210 Vario – 230 V

Ti farà sicuramente piacere sapere che la sega a nastro è un utensile molto versatile in quanto, a seconda della lama che deciderai di montare, sarà in grado di tagliare svariati materiali, non solo legno e alluminio, ma anche plastica, bronzo e rame. Inoltre, devi sempre valutare l’importanza del prezzo, oggi il mercato è ricco di seghe a nastro a basso costo. Non conviene mai andare al risparmio con questi strumenti, soprattutto perché rischi che possano rompersi, dunque, accertati che il produttore sia noto e che il prezzo del macchinario non

Seghe a nastro in metallo completamente automatiche MSB 320 VL

Meglio scegliere per un produttore italiano o comunque europeo, così da potere contare su un libretto di istruzioni con una sezione nella tua lingua. In più, quando compri una sega a nastro, accertati anche che abbia la certificazione o che sia comunque omologata, questo ti eviterà spiacevoli sorprese, soprattutto per quanto concerne il motore ed i ricambi, che nelle seghe a nastro non omologate sono spesso impossibili da trovare.

Seghe a nastro in metallo completamente automatiche MSB 325 VC